3487500866 a.trichini@tiscali.it

La chirurgia Laser in ORL a Carpi (MO), Bologna, Roma e Catania

Mostra contenuti secondari Nascondi contenuti secondari

Terapia farmacologica e chirurgica nell'ipertrofia dei Turbinati

La terapia di prima scelta per l'ipertrofia dei turbinati e' sempre di tipo farmacologico. L'insuccesso di tale terapia ci conferma la presenza di un'ipertrofia cronica e il ripristino della pervietà nasale si può ottenere solo intervenendo chirurgicamente.

Oggi la decongestione chirurgica dei turbinati può essere facilmente eseguita ambulatorialmente, in anestesia locale, senza dolore, senza tamponi nasali, con il nuovo Laser a Diodo o con la tecnica di Ablazione al Plasma, la durata dell'intervento è di circa 30 minuti e dal giorno successivo il paziente può tranquillamente riprendere le normali attività quotidiane.

 

 Terapia farmacologica della rinite vasomotoria semplice o allergica:

  - Spray nasali a base di cortisone (per cicli di due o tre settimane perché l'uso eccessivo può portare a sanguinamenti, secchezza nasale ed assottigliamento della mucosa respiratoria)

- Antistaminico per via sistemica in compresse

- Terapia inalatoria in ambiente termale.

- Lavaggi nasali con soluzioni saline.

- Spray decongestionanti per brevi periodi perché l'abuso porta alla perdita dell'elasticità dei corpi cavernosi dei turbinati e allo sviluppo di una rinite medicamentosa.

 

 

Chirurgia dei Turbinati con Laser a Diodo

Lintervento ai turbinati inferiori nasali con Laser a Diodo è una procedura ambulatoriale:

Si esegue sempre con il supporto di un anestesista che monitorizza e assiste il paziente durante tutta la fase dell'intervento

- Tramite spray  si effettua l'anestesia locale inibendo la sensibilità solo della porzione interna del naso. Successivamente effettuo una infiltrazione di anestetico nella sottomucosa del turbinato 

Si procede alla decongestione della testa, del corpo e della coda del turbinato inferiore e alla riduzione di eventuali speroni cartilaginei che causano ostacolo al flusso respiratorio.

Non vengono applicati tamponi nasali, è una metodica indolore, ripetibile a distanza di anni e rispetta la mucosa nasale

Dopo l'intervento possono formarsi piccole croste che saranno poi rimosse a cicatrizzazione ultimata dallo specialista otorinolaringoiatra.  Da quel momento in poi si noterà un netto miglioramento della respirazione con un flusso respiratorio omogeneo e continuativo

Decongestione dell'ipertrofia dei turbinati con Laser a Diodo

Decongestione dei Turbinati con tecnica di ablazione al Plasma

DECONGESTIONE CON TECNICA DI ABLAZIONE AL PLASMA

Decongestione dei Turbinati